Finalmente ho capito l’importanza di uno stile di vita più sano e rilassato. E oggi riempio il mio tempo di studio, ma anche di amore, amicizia e avventure.

Chi l’avrebbe detto che sarei diventato uno studente modello, fino alla maturità la mia filosofia era “massimo risultato con il minimo sforzo”. In quegli anni spensierati avevo un mucchio di tempo libero che gestivo in totale autonomia. Giocavo a calcetto, seguivo un corso di chitarra, uscivo con la mia ragazza e gli amici.

Una gran bella vita, che si è letteralmente disintegrata appena mi sono trasferito in città per frequentare la facoltà di Ingegneria informatica.

Da allora, per almeno 2 anni, ho vissuto da studente universitario stressato con la paura costante di non passare gli esami.

Fino a quel momento non sapevo proprio cosa fosse l’ansia da prestazione. Ma una volta all’università, la mia sicurezza era andata a farsi benedire. Dovevo studiare tante ore di seguito, e non mi sentivo all’altezza dei miei compagni di corso o delle aspettative dei docenti.

Improvvisamente la mia vita non mi apparteneva più. Non avevo più tempo per coltivare i miei hobby. E soprattutto, mi sembrava di non avere più il tempo per prepararmi seriamente agli esami.

Arrivava la data dell’appello e andavo in blocco. Le formule matematiche si trasformavano in geroglifici incomprensibili, la mia mente si svuotava, il cuore iniziava a battere a mille e le mani a sudare.

Studiavo dalla mattina alla sera, trascuravo la mia ragazza Angela, gli amici, la famiglia. Per fortuna che un giorno mia mamma ha capito che avevo bisogno di aiuto.

 

“Luca che ti sta succedendo? C’è qualcosa che non va, sei in crisi con Angela o… con l’Università?”

 

Ho vuotato il sacco, raccontandole della difficoltà agli esami, dellepreoccupazioni che mi attanagliavano e delle nottate passate sui libri senza ottenere i risultati sperati. Le ho pure rivelato dei frequenti mal di pancia, di quella morsa costante allo stomaco, e infine del libretto con quei voti così bassi.

 

“Andiamo dal medico tesoro. Dai, risolviamo tutto.”

 

La specialista da cui mia mamma mi ha portato ha capito subito ciò di cui avevo bisogno.

 

“Luca sei chiaramente uno studente ansioso e stressato. Hai bisogno di calmare i nervi e recuperare il tempo anche per goderti la vita, sei tanto giovane! Devi ritrovare la calma e la lucidità mentale necessarie a studiare con profitto senza esaurirti sui libri. Per questo ti consiglio vagostabil, un ottimo prodotto a base di fitoestratti che ti aiuterà a rilassarti. Ovviamente avrai bisogno di accompagnare la sua assunzione da un cambio radicale del tuo stile di vita, che deve diventare più regolare, più sano.”

 

La dottoressa è stata prodiga di consigli utili. Grazie ai suoi suggerimenti e a vagostabil in effetti sono decisamente più sereno. E anche il mio intestino è tornato in pace, proprio come il mio cervello.

I consigli sullo stile di vita più sano mi hanno permesso di elaborare un nuovo metodo di studio che si basa sulla gestione del tempo. Faccio anche esercizi di respirazione per rallentare il battito cardiaco. La sera stacco completamente dai libri e mi dedico a me. Se ho voglia esco, vado in palestra due volte alla settimana, strimpello la mia chitarra. Quando Angela mi raggiunge in città andiamo a mangiarci una pizza da qualche parte.

 

Insomma, coltivo il tempo della mia vita, quello che mi ricorda che ho 22 anni e che il mondo mi sorride. Del resto… c’è tempo per tutto quando superi i tuoi limiti e getti il cuore oltre l’ostacolo!

QUESTA STORIA E’ FRUTTO DI FANTASIA E HA FINALITA’ DI COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA. FATTI E PERSONE SONO INVENTATI.

Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano. Prima dell’assunzione di vagostabil chiedi il parere al tuo medico.